May 25, 2018

Lampade: la storia dell'illuminazione...

0 comments

 

Numerosi riferimenti dall’antichità hanno sottolineato il fatto che le lampade sono state utilizzate per diffondere la luce, anche prima che l'elettricità fosse inventata, e l'illuminazione iniziò ad assumere un nuovo significato. L'utilizzo di lampade può essere classificato in due ere: l'era pre-elettrica e l'era post elettrica.

 

Lampade: l’epoca pre-elettrica

L'invenzione ed il primo utilizzo della lampada possono essere fatti risalire al 70.000 a.C. A quel tempo, non c'era il metallo o il bronzo per realizzare lampade perciò le civiltà del tempo utilizzavano rocce cave e conchiglie. Queste rocce cave erano riempite con muschio e altre sostanze naturali e poi immerse nel grasso animale. Il grasso animale funzionava come l'olio e questo e fu così che le prime lampade furono accese.

Con l'avvento della ceramica, e l'età del bronzo e del rame, l'uomo ha iniziato a fabbricare lampade che imitassero le altre forme naturali. Lo stoppino venne alla luce molto più tardi e fu utilizzato per controllare la fiamma o la velocità di combustione. Nel 7 ° secolo a.C., i greci ha iniziato utilizzando lampade di terracotta, che ha sostituito le torce portatili. La parola “lampada” deriva dalla parola greca “lampas”, che significa torcia.

 

 

Le lampade ed il cambiamento di design :

C'è stato un cambiamento importante nel design delle lampade nel 18 ° secolo, quando il bruciatore centrale fu inventato. Con l'invenzione del bruciatore, fu costruita una fonte di combustibile in metallo. Un'altra piccola modifica apportata fu l'aggiunta di un tubo metallico che può essere regolato per controllare l'intensità della fiamma o della luce.

 

Questa è stata una scoperta importante in termini di illuminazione, perché attraverso la regolazione, gli uomini sono stati in grado di diminuire l'illuminazione o renderla brillante come richiesto. Un altro aspetto è stato aggiunto alla nuova lampada, che riguardava la forma dei piccoli camini in vetro. Il ruolo del camino in vetro era di proteggere la fiamma e di controllare il flusso d'aria.

Il chimico svizzero Ami Argand utilizzò nel 1783 per la prima volta lo stoppino cavo circolare in una lampada a petrolio.

 

 

Combustibili per illuminazione

Diversi tipi di combustibili sono stati utilizzati per l'illuminazione di una lampada tra il 70.000 a.C. e ora. La maggior parte delle prime forme di combustibile utilizzate comprendevano la cera d'api, l’olio d'oliva, i grassi animali, l’olio di pesce, l’olio di sesamo, l’olio di balena, l’olio di noce, ecc. Queste sono state anche tra le forme più comuni di carburante utilizzate per accendere una lampada almeno fino alla fine del 18 ° secolo.

Intorno al 1859, il primo processo di trivellazione fu avviato per trovare il petrolio e con l'avvento del cherosene, che è un derivato del petrolio, la lampada divenne sempre più popolare e aumentò il suo uso. L’illuminazione a cherosene fu introdotta per la prima volta in Germania nel 1853.

Nello stesso periodo altri due prodotti furono utilizzati per l'illuminazione della lampade ed erano il gas naturale ed il carbone. Il primo uso di lampade a gas di carbone fu nel 1784.

 

Lampade ad illuminazione elettrica

Le lampade hanno effettivamente percorso una lunga strada dall’utilizzo del gas di carbone all’elettricità. Nel 1801, Sir Humphrey Davy d'Inghilterra inventò la lampada ad arco di carbonio elettrico, che fu la prima del suo genere. Il principio di funzionamento di questa lampada era semplice e consisteva nell’aggancio di due barre di carbonio ad una sorgente elettrica.

 

 

Le barre di carbonio erano mantenuti a distanza l'una dall'altra in modo che la corrente elettrica potesse fluire attraverso l'arco e vaporizzare il carbonio per creare così luce bianca. Intorno al 1857, A.E. Becquerel di Francia propose la teoria della luce fluorescente nelle lampade. Nel 1870, l'impensabile è accaduto con Thomas Edison il quale inventò la prima lampada ad incandescenza elettrica. Da allora le lampade ad incandescenza sono stati utilizzate per l'illuminazione nelle case almeno fino agli inizi del 20esimo secolo.

 

Nel 1901, Peter Cooper Hewitt brevettò la sua nuova invenzione, cioè la lampada a vapori di mercurio. Questo fu un altro tipo di lampada ad arco che arricchì l’illuminazione utilizzando i vapori di mercurio, che sono racchiusi in un bulbo di vetro. Le lampade a vapori di mercurio funzionarono da prototipo per le lampade a fluorescenza.

 

La lampada al neon fu inventata da Georges Claude di Francia nel 1911, seguito da Irving Langmuir, un americano che inventò la lampada ad incandescenza elettrica nel 1915. Nel 1927, Hans Spanner, Friedrich Meyer, e Edmund Germer brevettarono la prima lampada fluorescente. Le lampade fluorescenti fornivano un’illuminazione migliore rispetto alle lampade a vapori di mercurio perché erano rivestite all'interno di berillio.

 

Da allora abbiamo usato lampade a diverse forme di illuminazione, che comprendono i vapori di mercurio, le lampade ad incandescenza e ancora oggi, in alcuni angoli della terra, la gente ancora utilizza il vecchio stoppino e la lampada a petrolio per illuminare la propria casa.

 

 

ATC per un’altra idea di alloggio!!!

Youtube

facebook

Twitte

Instagram

 

ATC per modelli di consumo più sostenibili! Prenota qui e condividi!

Alberghi

Case vacanze

Voli

Autonoleggio

 

Ti è piaciuto questo articolo?

 

Registrati adesso per essere informato gratuitamente sui nuovi articoli

Newsletter...

Ti piace, ti interessa, condividi...

New Posts
ATC DIY Community
ATC Design
wormerweg 4G-112, 1311 XB Almere
the Netherlands
KvK: 72065281
BTW: NL263226773B01
Services
Support & Contact
Terms & conditions 
Privacy policy
Blogger traffic Program
 
Free 3D plan